CM Roma… cose da fare

quello che segue non è un resoconto della fiaccolata di ieri per eva, ma ciò che faremo nei prossimi giorni e mesi.

il giorno prima della fiaccolata abbiamo organizzato un’assemblea pubblica di ciclisti nell’officina maggiormente frequentata da eva, quella dei ciclonauti, nel rione monti, a due passi da dove è stata uccisa.

ho visto gente seria, dura, determinata, con nessuna concessione all’isteria o al sentimentalismo di basso conio, anche se di lacrime ne sono uscite eccome. eravamo tanti, mai troppi.

oltre a capire come sbattere sul muso della città la fine di eva, abbiamo deciso altre cose, alcune di queste potrebbero essere buoni spunti per i ciclismi urbani di tutte le città.

primo punto, per acclamazione: la massa critica romana non partirà più dalla piramide ma dal palo 27 dei fori imperiali, dove è stata uccisa eva. sarà così d’ora innanzi.

secondo punto: la creazione di uno sportello legale del ciclista e del pedone, con un avvocato a disposizione di chi ne avesse bisogno. se ne occupano le ciclofficine macchia rossa e la strada.

una petizione per dichiarare la pericolosità di via dei fori imperiali, ora che è stata rifatta una vera autostrada nel cuore di roma, viste le abitudini bestiali dei romani peggiori.

la creazione, concreta e anche simbolica, di una pista ciclabile intitolata ad eva.dovrà essere circolare, intorno al palatino, e connettersi con quella del circo massimo.

vi voglio dire questo: siamo assolutamente determinati a non farci prendere per il culo, e a non morire per le inerzie di sistema. si è creato un gruppo che lavorerà alle proposte di cui sopra, che ieri abbiamo anche anticipato all’assessore alla mobilità romano, sergio marchi, ieri presente alla fiaccolata. vedremo, valuteremo, eventualmente reagiremo. ci saranno riunioni periodiche sui punti decisi, e ogni venerdì fino a fine novembre organizzeremo azioni -sempre in nome di eva- che partiranno dal palo 27.

ad angelo bonelli, presidente dei verdi, ho proposto uno spazio per i ciclisti sul loro quotidiano, “terra”. voglio che sia uno spazio collettivo, periodico, in grado di offrire a chi legge e non pratica la ciclabilità un modo nuovo e diverso di guardare allo spostamento individuale in città. si vedrà che ne esce.

sono orgoglioso di conoscere gente reattiva, determinata, sensibile e ad alto grado di umanità.

ciao fiore tagliato.

tratto da http://www.ciclistica.it/post/2009/11/07/palo-27

FacebookTwitterGoogle+Share

Critical Mass Roma cambia partenza

Dalla prossima CM l’appuntamento è sempre alle 18:30 ma a Via dei Fori Imperiali (palo 27) dove è stata uccisa Eva.

Via dei Fori Imperiali lato Campidoglio


Visualizzazione ingrandita della mappa

2 Comments

Eva uccisa in bici in pieno centro a Roma

Una ciclo-attivista… una ragazza innamorata della bici e di questa città è stata uccisa da un taxi a Via dei Fori Imperiali, sotto le finestre del Campidoglio… in questa Roma devastata dalle auto e da chi le conduce senza nessuna consapevolezza del loro potere omicida

Se a 28 anni vai al lavoro in bicicletta e di notte percorri via dei Fori Imperiali per tornare a casa non crederai mai che all’improvviso un taxi ti piombi addosso come un missile. Sono anni che ti sposti in bicicletta in questa folle e splendida città. Tante volte ti è capitato di sentirti in pericolo circondata da automobili e scooteroni. Hai visto negli occhi quelle persone che guidano con rabbia e violenza. Nella vita sembrano persone affidabili ma quando posano le mani sul volante e il piede sull’acceleratore cambiano. Li vedi quando non rispettano la precedenza agli incroci, attraversano con il rosso i semafori, non si fermano davanti ai pedoni che attraversano sulle strisce, si lanciano a tutta birra non appena vedono un po’ di strada libera, parcheggiano in doppia fila o sul marciapiedi, aprono gli sportelli senza prima guardare dietro. Tutto per recuperare qualche minuto in più per una vita persa in mezzo al traffico. Spesso ti sei ritrovata a difendere con le unghie e con i denti il tuo diritto ad esistere sulla strada con la tua bicicletta senza alcun motore oltre la forza muscolare. Ma una vigliaccheria del genere non te l’aspettavi proprio. Non ce l’aspettavamo noi. Essere travolta alle spalle da un’automobile su via dei Fori Imperiali ti sorprende.
Vogliamo la verità e la giustizia per Eva!

eva, che voleva vivere a roma