PROGETTO RADIO in PALESTINA
nel campo profughi di Dehishe



Il progetto riguarda la possibilita' di aprire una radio nel campo profughi di Dheieshe, che sorge ai piedi della citta' di Bethlemme.
Il campo fu costruito per la popolazione profuga del '48, che si trovo' buttata fuori dalle proprie citta' e villaggi dopo l'insediamento dello Stato di Israele.
Promuovere l'installazione di nuove emittenti radio in grado di contribuire alla democratizzazione dei mezzi di comunicazione di massa favorendo la differenziazione delle fonti d'informazione e' fondamentale in una situazione dove la brutale occupazione israeliana costringe migliaia di persone, donne, uomini e bambini a non potersi muovere, incontrarsi e comunicare.
E' soprattutto praticamente impossibile accedere a fonti di informazione diverse, vista la censura e il taglio totale delle informazioni provenienti da altri campi e citta' della West bank e Gaza.
L'idea e' di aprire una radio nel campo profughi di Dheieshe presso il Centro Culturale IBDA, per dare la possibilita' ai ragazzi e alle ragazze che frequentano il posto di poter comunicare le attivita', le notizie, le necessita' e le speranze che in una situazione cosi' drammaticamente chiusa si determinano. La radio e' uno strumento adeguato che permette e stimola il dialogo tra le persone.
La radio e' uno strumento di comunicazione molto potente, e' uno strumento culturale di educazione sociale e politica che soprattutto in questo periodo puo' servire alla gente come spazio aperto per la realizzazione di una informazione democratica.
Attraverso la radio e possibile diffondere all'interno della societÓ civile una informazione di base e la possibilita' di esprimerele diverse realtÓ specifiche.

Descrizione delle azioni:
- Promuovere l'installazione di nuove emittenti radio e la formazione del personale locale - Istituzione di una rete di corrispondenti radiofonici;
- Preparazione di personale Tecnico sulla comunicazione;
- Creazione di programmi radiofonici culturali, di informazione e sensibilizzazione sulle problematiche dei giovani che vivono in campi profughi sotto occupazione.
- Creare l'edizione di programmi di comunicazione educativa;
- Garantire spazi permanenti nella programmazione;
- Garantire l'aggiornamento e il monitoraggio della equipe di produzione dell'informazione;
- Lavoro di selezione musicale con la partecipazione di autori della musica folcloristica della tradizione palestinese diffuse attraverso le trasmissioni.

Il progetto sara' realizzato grazie alla raccolta di fondi provenienti dalla solidarieta' di chi ritiene che anche l'informazione puo' essere uno strumento di liberazione per il popolo palestinese.

Per Info: Comitato di SolidarietÓ con l'Intifada coordintifada@yahoo.it
www.tmcrew.org/int/palestina



BACK